GOSSIPRISPOSTECOMMENTICHI SIAMOAVATARPRIVACY    
 
 

 

Giovedì 25 Febbraio 2021

Allarme prezzi della plastica > Aumenti immediati nel vending in vista...

Nei prossimi giorni arriveranno a tutti i gestori comunicazioni da parte dei fornitori di bicchieri, palette e capsule, di aumenti immediati dal 15 al 20% dei listini. L'aumento è importante, ma la situazione è davvero seria e rischia perfino un forte peggioramento per tutta la primavera

Si sta riproponendo la stessa congiuntura del 2015: disponibilità limitate e prezzi delle materie plastiche in continuo aumento. Questa situazione di "shortage" sul mercato sta rendendo critico l’approvvigionamento di materie prime per le aziende produttrici. Tutto ciò soprattutto a causa dei grandi gruppi della petrolchimica mondiale che invocando le scorte limitate, le fluttuazioni del prezzo del greggio, la forte domanda dai paesi asiatici che stanno uscendo dalla crisi Covid-19 e problemi tecnici negli impianti (le ore di manutenzione sono state ridotte durante la pandemia), hanno creato le condizioni per un netto aumento dei prezzi.

Il rischio non è soltanto la crescita dei listini per i gestori, perché l'attuale contesto può portare in molte aziende produttrici addirittura alla sospensione della produzione per carenza di materie prime. Già diverse linee di stoviglie monouso sono ferme, se chiudono anche quelle del vending, non si troveranno più bicchieri...

Per le gestioni la situazione non lascia nessuna scelta, perché in questo momento non possono ammortizzare un aumento dei costi senza aumentare a loro volta i prezzi al consumo. Quindi ci aspettiamo un periodo molto impegnativo per i commerciali che dovranno comunicare ai clienti la variazione al rialzo della battuta...

Satispay > Come ottenere il cashback di stato in oltre 5.000 vending machine

A meno di 2 anni dallo sbarco delle soluzioni Satispay dedicata alla distribuzione automatica, sono oltre 5.000 le vending machine su tutto il territorio nazionale con cui è possibile pagare con Satispay. L’innovativo sistema di pagamento, integrabile con diverse soluzioni su tutte le tipologie di vending presenti sul mercato, si arricchisce oggi di
ulteriore valore aggiunto, grazie alla possibilità da parte dei consumatori di ricevere il Cashback di Stato: un rimborso del 10% sulle proprie spese effettuate nei negozi fisici, categoria di cui le vending machine fanno parte.

Per ottenere il massimo dal Cashback di Stato è necessario effettuare un elevato numero di transazioni (almeno 50 a semestre): l’iniziativa del Governo infatti premia la frequenza di acquisto. Ciò rende le vending machine uno strumento ideale per accumulare più Cashback possibile e scalare la classifica del Super Cashback, per arrivare a figurare tra le 100.000 persone che effettuano il maggior numero di pagamenti digitali e ottenere così il premio di 1.500€.

Attivare il Cashback di Stato inoltre è facilissimo per gli utenti Satispay: bastano pochi secondi all’interno della sezione Servizi dell’app, senza la necessità di richiedere SPID o attivare l’app IO. Dall’inizio dell’anno le vending machine convenzionate con Satispay hanno visto un incremento delle transazioni settimanali del 20% , a testimonianza del vantaggio concreto della soluzione proposta da Satispay che da un lato si presenta come uno strumento di pagamento veloce, sicuro e conveniente per i consumatori, anche grazie alla spinta dell’iniziativa Italia Cashless, e dall’altro dimostra di essere una soluzione innovativa per produttori di vending machine che possono approfittare della convenienza, e della semplice attivazione dello strumento di mobile payment più diffuso in Italia ulteriormente messo in risalto dalle iniziative del Governo.

Per leggere il Comunicato Stampa integrale CLICCA QUI

Mercoledì 24 Febbraio 2021

Grandi manovre > Nestlé potrebbe investire nel vending acquisendo Selecta...

Qualche mese fa aveva fatto molto discutere l'estensione della partnership strategica tra Selecta e Nestlé per la distribuzione del caffè in tutta Europa (Starbucks, Nescafé e Zoégas). Un contratto quinquennale molto solido tra le due realtà, sottoscritto in un momento di oggettiva difficoltà finanziaria di Selecta.

L'affermazione di Vincent de Clippele, responsabile Nestlé Professional EMENA (Europe, Middle East & North Africa): "La forza di Selecta nei luoghi di lavoro e di transito contribuirà a promuovere una maggiore accessibilità e raggiungere i consumatori dei marchi di caffè Nestlé fuori casa", ci aveva davvero incuriosito.

Non siamo perciò stupiti che ci arrivino dal nord Europa voci di una trattativa in stato avanzato per l'acquisizione di Selecta da parte dell'altro colosso svizzero. Se effettivamente KKR trovasse l'accordo con Nestlé, la geografia del vending europeo sarebbe stravolta, con nuovi equilibri strategici da trovare in fretta.

Vi terremo informati sugli sviluppi...

Oggi apre la due giorni virtuale tedesca VENDTRA. Venditalia tra i partecipanti...

Venditalia parteciperà a VENDTRA (Vending Trade Festival), la fiera tedesca interamente digitale per il settore del vending e del caffè in calendario il 24 e 25 febbraio 2021.

Tra i tanti stand virtuali presenti ci sarà anche quello della principale fiera internazionale di settore: VeEnditaiia. Per visitare la fiera è necessario iscriversi al sito https://vendtra.com/registrierung-vendtra-twins-2021-en/

Venditalia partecipa anche al programma delle conferenze.

Martedì 23 Febbraio 2021

La coerenza di Fantavending, l'albero abbattuto e lo scoiattolo in lacrime...

In pochi sanno che dal 3 luglio entreranno in vigore le nuove specifiche di marcatura armonizzata per alcuni prodotti in plastica monouso, tra cui i bicchieri per bevande.

La marcatura da apporre su ogni singolo bicchieri è grande, costosa ed estremamente violenta dal punto di vista del messaggio: c'è un bicchiere disperso i mare e un cucciolo di tartaruga morto. Va ancora peggio se il prodotto è parzialmente in plastica (come diversi modelli di bicchieri che hanno all'interno una pellicola). Qui il logo è addirittura a due colori: rosso e azzurro.

I "crociati" contro la plastica esulteranno e probabilmente anche le lobby della carta, molto potenti nell'Europa del Nord, in vista di convertire un immenso mercato con i loro prodotti, anche se sarà molto difficile fare qualcosa per le bevande calde senza utilizzare pellicole in plastica.

Per coerenza Fantavending propone all'Europa anche questo simbolo per tutti i bicchieri in sola carta: l'albero abbattuto e lo scoiattolo in lacrime perché gli buttano giù casa...

Padova contro corrente, il sindaco riapre anche di notte i negozi automatici H24...

A Padova i negozi automatici H24 erano chiusi dalle 18 alle 5 del mattino da circa un mese (21 gennaio). Ma in queste quattro settimane "non è stato riscontrato il verificarsi di assembramenti". Quindi il sindaco Sergio Giordani ha dato il via libera alla riapertura dei distributori automatici di bevande e alimenti...

Giordani si era mosso in rispetto dei Dpcm del governo che vietavano il consumo di cibi e bevande dopo le 18. Da qui la decisione di chiudere anche quei negozi che hanno distributori automatici per il rischio assembramenti. Un timore che si è rivelato infondato, visto che il problema non si è creato. Da qui il dietrofont di Giordani che ieri ha ritirato l’ordinanza.

Lunedì 22 Febbraio 2021

Serenissima Ristorazione > Vending, mensa automatica e delivery...

La pandemia ha colpito duro il mondo della ristorazione collettiva, un calo da 1,5 miliardi di euro di fatturato e centinaia di milioni di pasti in meno da distribuire. Serenissima Distribuzione, grazie a strategie di diversificazione ha sostanzialmente retto all'urto.

Lo smart working ha inciso in modo importante e per far fronte al calo della domanda, Serenissima ha puntato sul delivery come servizio accessorio. Inoltre ha cercato di sviluppare la ristorazione automatica. Attraverso soluzioni tipo vending ha deciso di rispondere alle nuove esigenze dei clienti aziendali. Questo li ha portati verso l’adozione di piatti unici, più pratici. Oltre a questo modello, ha puntato anche sui locker refrigerati con ritiro di pasti preordinati.

La mensa automatica è un interessante sviluppo futuro nel mondo della distribuzione automatica, ma chi lo gestirà? I gestori o le società di ristorazione collettiva? La partita è aperta.

Nespresso Professional lancia due nuove miscele da abbinare al latte...

Nespresso Professional ha annunciato il lancio di due nuove miscele, BIANCO DELICATO e BIANCO INTENSO, espressamente realizzate per essere abbinate al latte (clicca qui per il comunicato). Come parte della gamma CREATIONS di recente introduzione, i due caffè sono nati per andare incontro alle tendenze globali del caffè.

Una ricerca mostra che il 75% dei consumatori di caffè sceglie regolarmente ricette con il latte e con BIANCO DELICATO e BIANCO INTENSO il cliente aziendale sarà in grado di creare ricette di 2caffè bianco" di qualità barista con il semplice tocco di un pulsante - da un intenso Cortado al liscio Cappuccino o Latte macchiato.

Venerdì 19 Febbraio 2021

Expo Vending Sud 2021 > Nuove date per la fiera mediterranea del vending

Expo Vending Sud 2021 lascia le tradizionali date di maggio e si posiziona eccezionalmente a giugno al fine di garantire la massima sicurezza e tranquillità di incontro tra espositori e visitatori.

Confermati gli orari: la manifestazione avrà inizio venerdì 25 giugno 2021 (dalle 12 alle 18) e proseguirà nelle giornate di sabato 26 (ore 10- 18) e domenica 27 (ore 10-16).  L’apertura alle 12 del primo giorno, che rappresenta una novità di queste ultime edizioni, agevolerà quegli espositori che vorranno giungere a Catania proprio in mattinata, accedendo in fiera anche poche ore prima dell’inizio.

Expo Vending Sud, giunta alla nona edizione, si svolgerà presso il polo fieristico “Le Ciminiere” di Catania. La sede si trova in centro città, adiacente alla Stazione Centrale, a 10 minuti dall’aeroporto e 1 km dal porto.

Bianchi Industry ridisegna i confini del coffee break in ufficio con Gaia Style Ry

Una pausa caffè in grande stile ma in uno spazio più piccolo. Bianchi Industry ridisegna i confini del tradizionale coffee break in ufficio con Gaia Style Ry, soluzione OCS targata Bianchi Vending che ha ottenuto eccellenti riscontri di mercato negli ultimi anni e che oggi si presenta sul mercato con un nuovo design, concepito nello stesso family feeling di Talia.

Come cambia, dunque, il coffee break nella visione di Bianchi Industry? Visto il periodo particolare, meglio evitare la classica “ressa” attorno al distributore automatico: ecco allora l’idea di moltiplicare l’offerta e di renderla “fai da te” installando piccoli coffee corner nelle diverse aree aziendali per una pausa caffè più intima, a prova di assembramento, ma sempre all’insegna dello stile e della qualità.

Sì, perché, pur con le sue dimensioni ridotte, Gaia Style Ry è in grado di offrire prestazioni premium sia in termini di capacità (ospita fino a 2,3 Kg di caffè e può erogare fino a 80 tazze al giorno) che di varietà dell’offerta. Nella versione con gruppo caffè a camera variabile (dosi da 7 a 14 gr), questa soluzione permette all’utente di gustare non solo il tradizionale espresso ma anche caffè lungo, americano e molto altro ancora. Senza dimenticare la possibilità di assaporare le numerose ricette a base di prodotti solubili, con due scatole appositamente dedicate a questa funzione.

Grazie alla modularità di Gaia Style Ry, inoltre, è possibile evolvere nel tempo il coffee corner a seconda delle esigenze, aggiungendo il modulo Fresh Milk per preparare cappuccini cremosi e altre bevande a base di latte fresco. La macchina è disponibile in due versioni, interfaccia Easy con 8 pulsanti oppure Touch 7’’, per un’esperienza di consumo più intuitiva e piacevole.

Dunque, massima libertà di scelta, massima personalizzazione e massima flessibilità, come vuole la filosofia “Design Your Break”. Ma prima ancora, Gaia Style Ry è una “certezza” per la sua semplicità e la sua affidabilità: caratteristiche da cui Bianchi Industry ha deciso di partire per disegnare i nuovi confini del coffee break in ufficio.

Giovedì 18 Febbraio 2021

Bandi a ridotto impatto ambientale e CAM (Criteri Ambientali Minimi)...

C'è davvero grande fermento nella comunità di Fantavending per la diffusione dei bandi di gara a ridotto impatto ambientale che inseriscono dei criteri molto stringenti per la scelta dei prodotti. Il mondo del vending pubblico è ad una svolta cruciale, soprattutto in attesa dei fatidici CAM che potrebbero introdurre parametri ancora più impegnativi per il gestore.

Abbiamo pubblicato in Area Risposte una selezione dei messaggi in arrivo.

Fare vending è diventato oggettivamente sempre più difficile e partecipare agli appalti pubblici diventa quasi proibitivo per una platea sempre più vasta di gestori. Speriamo che il nuovo Ministero della transizione ecologica, responsabile dei CAM per il nostro settore, ascolti la voce di chi il vending lo conosce davvero e sappia gestire con equilibrio e competenza questa difficile eredità.

Al di là delle diverse idee che sono emerse sul tema (quasi uno scontro ideologico) la prima bozza dei CAM che girava era piena di evidenti errori e richieste irraggiungibili, frutto di un mancato approfondimento sulle dinamiche del vending che riteniamo davvero grave da parte di un Ministero...

A marzo arriva nel vending il Choco Chips Cookies Schär senza glutine.

Da marzo l'ampia gamma di snack monoporzione di Schär si arricchisce con i “Choco Chip Cookies”, i biscotti ispirati al cookie americano dall’impasto ricco di golose gocce di cioccolato. Il formato monoporzione contiene due biscotti senza glutine e senza frumento, preparati con il 12% di cioccolato e ingredienti di prima qualità garantiti Schär.

Coca-Cola Hbc > in Italia volumi in calo del 13,9% nel 2020

Coca Cola Hbc, uno dei colossi europei dell' imbottigliamento, ha pubblicato i risultati finanziari del 2020. I ricavi netti del gruppo si sono attestati a 6,13 miliardi di euro, in calo del 12,7% rispetto al 2019, e un utile netto di 414,9 milioni di euro, a fronte dei 487,5 mln euro riportati nel 2019.

Ancora più negativi i dati del mercato italiano, dove i volumi sono diminuiti del 13,9%...

Mercoledì 17 Febbraio 2021

Bando Ministero dell’Economia e delle Finanze, addio agli snack best sellers?

E' stato pubblicato nei giorni scorsi la Procedura aperta per l’affidamento in concessione del servizio di distribuzione automatica di bevande calde, fredde e snack, a ridotto impatto ambientale, per la sede del Ministero dell’Economia e delle Finanze (clicca qui).

Sorvoliamo sul fatto che a causa dello smart working (presente e previsto in futuro) ci saranno 1.000 unità lavorative in meno nella sede romana del MEF. La cosa che ci ha stupito di più sono le caratteristiche richieste per gli snack dolci: merendine e barrette da minimo 40 grammi e contenuto energetico inferiore/uguale alle 150 kcal per singola porzione...

Uno dei prodotti a più alta rotazione vending, la Fiesta, è 36 grammi, fuori dalla lista, così come il Kinder Bueno white (39 gr.). Si salva il kinder Bueno tradizionale che arriva a 43 grammi, ma ha 244 Kcal. Non va meglio per le barrette, il Mars ha 185 Kcal, il Kit Kat supera le 200 Kcal...

Volete metterci le patatine? Poveri illusi, andate a trovare un prodotto senza sale aggiunto in superficie e con contenuto di sodio non superiore a 0,4-0,5 g/100g, con grassi aggiunti a base di olio extravergine d'oliva o di olio mono seme (arachide, mais o girasole). Quelle che abbiamo noi in ufficio, un best seller del vending, sono fuori parametro sia nel sodio che nell'olio...

Siamo davvero stufi di vedere il vending utilizzato come laboratorio per il consenso politico. Se volessero davvero rivoluzionare il mondo, dovrebbero partire dalla grande distribuzione e sfidare le multinazionali su numeri veri, non certo su quelli sviluppati nel pubblico dai distributori automatici.

GAME OVER > Massimo Zanetti Beverage Group, ha detto addio alla Borsa

Tempi duri per il mondo del caffè e la Borsa Valori, sia a livello internazionale che locale. Dopo la caduta della stella del Nasdaq (Luckin Coffee), a partire da lunedì scorso Massimo Zanetti Beverage Group (Segafredo) non si troverà più sul Mercato Telematico Azionario di Borsa Italiana. La società ha concluso la procedura di sell-out, dopo l'OPA lanciata nei mesi scorsi, e ha quindi completato il delisting.

Dopo una lunga fase di innamoramento, il mercato ora guarda con più scetticismo alle possibili quotazioni delle torrefazioni o delle catene di caffetterie... L'offerta pubblica di acquisto a 5 euro ha lasciato l'amaro in bocca a molti, visto che il titolo MZBG era stato immesso sul mercato nel 2015 a 11,60 euro per azione...

Martedì 16 Febbraio 2021

La mossa di Ferrero in Francia farà decollare il mercato dei gelati nel vending?

Il segmento dei gelati è sempre stato una piccola nicchia di mercato per il vending, relegato allo zero virgola dei consumi. Si calcola che prima della pandemia i gelati valessero poco più di 6 milioni di battute, circa un decimo dei prodotti freschi e meno di un centesimo degli snack (quasi 800.000 battute). E' un peccato che valga così poco, perché le macchine ci sono, la marginalità è buona e, se si è organizzati per la catena del freddo, è un prodotto che tende a fidelizzare una postazione.

L'annuncio di Ferrero di entrare nel mondo del gelato francese con tre nuovi stecchi ispirati ai suoi iconici cioccolatini Raffaello e Rocher (classic e dark), potrebbe però cambiare le regole del gioco e rivitalizzare questo mercato.

Ferrero è un marchio centrale per il mondo degli snack vending e non ci stupirebbe se proprio il canale della distribuzione automatica avesse in futuro un ruolo significativo nelle strategie di sviluppo dei gelati del colosso di Alba.

Staremo a vedere...

Ombre Cinesi > Lucking Coffee presenta istanza di fallimento negli USA

La caffetteria dei miracoli cinesi, con strepitose performance al Nasdaq, l'apertura di 4.500 locali in Cina in pochi mesi e progetti faraonici nel vending, è probabilmente arrivata al capolinea. Dopo aver falsificato ricavi per 340 milioni di dollari nell’esercizio 2019, la società ha presentato istanza di fallimento negli Usa.

L'anno scorso Luckin Coffee aveva diramato un comunicato ufficiale nel quale annunciava la sua entrata nel mercato dei smart vending machine, che integreravano IoT, big data, riconoscimento facciale e altre tecnologie avanzate, da posizionare in uffici, aeroporti, stazioni dei treni e dei bus, università per aumentare l’offerta di caffè e snack oltre alla rete dei negozi fisici... Quasi certamente il progetto è tramontato per sempre.

L'universo cinese resta un mistero per il mondo occidentale, le enormi ricchezze che svaniscono all'improvviso dimostrano quanto poco conosciamo delle dinamiche di quei mercati. Eppure ancor oggi, nel mondo dei distributori automatici, si è attratti da progetti ultra tecnologici a prezzi bassi che provengono dall'estremo oriente.

Evidentemente il passato non ha insegnato niente al vending di oggi. Quante legnate bisogna prendere per capire la lezione?

Lunedì 15 Febbraio 2021

Caccia alle streghe ad Andria. Negozi automatici sotto accusa.

"Non siamo merce da utilizzare per fare bassa politica", questa l'affermazione di ben 5 gestori di negozi H24 presenti ad Andria (BA). Dopo i continui attacchi da parte di alcuni politici e i messaggi sempre più pesanti sui social media che vedono il negozio H24 come la madre di tutti i problemi sociali ed economici conseguenti alla drammatica pandemia da Covid-19, i titolari degli H24 dicono basta e lanciano un appello:

"No! Non ci stiamo! Non siamo un capro espiatorio, non siamo usurpatori di mercato altrui: siamo uomini e donne che come tanti hanno deciso di scommettere sulle proprie capacità imprenditoriali assumendosene i rischi annessi con l’unico obiettivo di lavorare seriamente, serenamente e alla luce del sole come la stragrande maggioranza degli imprenditori della nostra splendida realtà cittadina!"

Non possiamo che essere d'accordo con loro, la "bassa politica" è proprio specializzata nel finire sui giornali utilizzando come bersaglio il vending in tutte le sue forme. Un comportamento francamente miserabile...

WHO GIVES MORE > Bianchi Industry presenta il vending per chi vuole di più

Il vending di chi dà di più, il vending per chi vuole di più. In un momento complesso per tutto il settore della distribuzione automatica, Bianchi Industry lancia un messaggio di forza al mercato, ribadendo la sua solidità e il suo impegno nel creare soluzioni sempre in linea con le ultime tendenze di mercato.

Sul versante istituzionale l’azienda bergamasca decide, letteralmente, di metterci la faccia con la campagna di comunicazione digitale “WHO GIVES MORE” (in italiano “Chi dà di più”), che, a partire da gennaio, ritrarrà l’Amministratore Delegato Massimo Trapletti e gli altri manager del gruppo quali testimonial dell’impegno e della passione che contraddistinguono il team di Bianchi Industry. Un team che durante gli ultimi mesi non ha smesso di pensare al futuro, chiedendosi che cosa offrire “di più” ai propri clienti per uscire dall’impasse causato dalla pandemia.

In questo senso, la risposta di Bianchi Industry è stata chiara e univoca: continuare ad investire. Investimenti in R&D per sviluppare nuove tecnologie e nuove linee prodotti, ma anche in attrezzature per la produzione, nella razionalizzazione dei processi industriali per avere un’organizzazione più snella e migliorare il servizio rivolto ai clienti, nel marketing per offrire maggiore supporto strategico ai partner. Senza dimenticare le risorse umane, con la formazione finalizzata alla crescita e allo sviluppo dei collaboratori, ma anche con l’inserimento di nuovi profili per accompagnare l’evoluzione dell’impresa.
E tutto questo si fa con una squadra forte e unita che, anche nei difficili mesi della pandemia, ha continuato a progettare il prossimo futuro del Vending, trascinata da quella voglia di “dare di più” ai propri clienti a cui si abbina un messaggio di sottofondo: “Non siamo solo prodotto, siamo un‘organizzazione, ma soprattutto delle persone su cui contare”.


Venerdì 12 Febbraio 2021

5 milioni di euro alla Liomatic per finanziare progetti di crescita sostenibile

La crescita sostenibile al centro del progetto di sviluppo della Liomatic SpA, finanziato da Intesa Sanpaolo con 5 milioni di euro e che prevede obiettivi di miglioramento ESG (Environmental, Social, Governance). Il finanziamento S-Loan, strutturato per accompagnare gli sforzi delle imprese nella direzione di una maggiore sostenibilità, è in questo caso garantito digitalmente e da Sace tramite Garanzia Italia, lo strumento del Decreto Liquidità destinato al sostegno delle imprese italiane durante l’emergenza Covid-19. Il finanziamento, come previsto dal Decreto, è finalizzato a sostenere il capitale circolante, il costo del personale e a finanziare il piano investimenti di Liomatic che sarà incentrato su nuovi programmi ESG già strategici per l’azienda.

Infatti l’operazione - della durata di 72 mesi - avrà fra i diversi obiettivi il coinvolgimento dei fornitori e di almeno il 25% della propria clientela su temi di sostenibilità grazie alla linea “green” e all’introduzione delle cialde compostabili, oltre all’utilizzo nei distributori automatici di materiali in PET biodegradabile o comunque alternativi alla plastica per quanto concerne bicchieri e palettine.

Liomatic inoltre da tempo sviluppa programmi di incremento della sicurezza e del benessere dei dipendenti, stanziando parte del fatturato annuo ad iniziative di welfare aziendale.

“L’accordo appena siglato con Intesa Sanpaolo che mette al centro sostenibilità ambientale e welfare è motivo di orgoglio per tutti noi – ha dichiarato Ilaria Caporali, Amministratore Delegato e Brand Ambassador di Liomatic Spa. Siamo convinti che il business debba essere declinato anche con politiche di sostenibilità così da rendere le aziende sempre più sane e competitive nel tempo.”

Bahlsen PiCK UP! una campagna TV mai vista!

Il 2021 inizia con il botto per PiCK UP!, la crescita costante degli investimenti pubblicitari si conferma anche nel 2021.
A partire da febbraio e fino a fine marzo, sulle emittenti Mediaset e Discovery, PiCK UP!, con una pianificazione incentrata su un target giovane e sulle responsabili di acquisto.
Potrete vedere gli spot del celebre biscotto-snack in onda su oltre 15 canali e la programmazione prevede oltre 1500 passaggi. La campagna 2021 si caratterizza per un elevato numero di passaggi in Prime Time, oltre il 43%, e per la scelta di programmi campioni di ascolti dei palinsesti.

Da sempre Bahlsen dimostra di saper rispondere al gusto dei consumatori con prodotti nati dalla lunga esperienza nel settore dolciario.
Bahlsen è un marchio consolidato della biscotteria e della piccola pasticceria, nato nel 1889 ad Hannover in Germania e diventato un brand riconosciuto ed apprezzato internazionalmente.
Oltre un secolo di storia durante il quale la piccola realtà artigianale è diventata una solida impresa industriale, che ha fatto dell’innovazione il suo stendardo.
Precorrendo i tempi, Bahlsen ha sempre lavorato al passo con il progresso tecnologico proponendo al mercato linee di prodotto rispondenti alle esigenze dei consumatori, lavorate in ambienti tecnologicamente avanzati e presentandole in packaging accattivanti e studiati per preservare la fragranza dei prodotti nel tempo.

La storia aziendale trasmette, dunque, l’immagine di un’azienda in continua evoluzione, un percorso di crescita che vede nell’anno 2021 un’altra importante tappa con la conferma degli investimenti per PiCK UP! un prodotto trasversale per il vending che segue le esigenze dei consumatori, semplice, buono e da portare sempre con sé; un prodotto rivolto a tutti, di grande visibilità nel distributore automatico, grazie ai colori brillanti ed in contrasto. Per la sua particolare struttura – una tavoletta di finissimo cioccolato al latte tra due fragranti biscotti al cioccolato – è impossibile resistergli e grazie alla nuova campagna davvero SULLA BOCCA DI TUTTI.

Giovedì 11 Febbraio 2021

Gruppo Illiria cresce in Triveneto grazie alla fusione con Espresso Time

Gruppo Illiria ha dimostrato negli anni di avere nel proprio DNA la capacità di fondere diverse realtà del proprio territorio di competenza. Il gruppo, nato nel 2001 proprio grazie alla fusione di storiche gestioni degli anni ’70 del Friuli, è oggi uno dei principali attori del vending italiano con 9 sedi operative, 2 società controllate e 2 partecipate, per una copertura in tutto il Nord e Centro Italia.

Non stupisce quindi la nuova operazione di mercato, la fusione con Espresso Time Srl di Susegana (TV) una delle principali gestioni indipendenti con un fatturato 2019 pari a oltre 11 milioni di euro. Questo importante accordo è l'ennesima dimostrazione che creare relazioni tra le famiglie degli imprenditori è, per Illiria, un valore ed una realtà consolidata da ormai 20 anni.

Il Gruppo rinforza così la sua presenza in Triveneto e acquisisce, non solo battute, ma competenze e un management di riconosciuto valore.

L’analisi Monitoraitalia (2019) delle prime 250 gestioni vending.

Monitoraitalia (Competitive Data Srl) ha pubblicato l’analisi dei bilanci delle prime 250 gestioni vending, e dei primi 42 produttori di distributori automatici e semiautomatici (freestanding e table top), per il triennio 2017-2019.

L’analisi che segue si riferisce alle sole gestioni vending.

I ricavi cumulati delle gestioni vending analizzate registrano una crescita del +6,0% nel 2019, con l’exploit delle regioni del Sud e delle isole che ottengono una crescita del +11,1%, seguite dalle regioni del Centro con un incremento del +7,3%, quindi le regioni del Nord Ovest con il +5,8%, ed infine le regioni del Nord Est in crescita del +4,2%.

La crescita maggiore la fanno registrare le aziende di gestione vending con ricavi inferiori ai 5 milioni di euro (+9,2%), seguite con un incremento del +6,6% dalle aziende con ricavi superiori a 15 milioni di euro; chiudono le aziende con ricavi compresi tra 5 e 15 milioni di euro, in crescita del +3,7%.

Il bilancio medio settoriale, calcolato con la metodologia proprietaria CSI-Competitive Sectoral Indicator (adottata a livello internazionale anche da Statista), mostra i seguenti indici di redditività:

• Il ROE medio nel 2019 è stato del 5,4%, in flessione rispetto al 7,4% del 2018.
• Il ROI medio è stato pari al 5,7% nel 2019, anch’esso in flessione rispetto al 6,7% del 2018.
• Il ROS medio è stato pari al 6,4% nel 2019, in calo rispetto al 6,9% del 2018.

Ulteriori approfondimenti sono disponibili al link CLICCA QUI

Mercoledì 10 Febbraio 2021

Addio alla classe A nel vending > dall'1 marzo le nuove etichette energetiche

A partire dal primo marzo, le normative sulla progettazione ecocompatibile e sull'etichettatura energetica nell'UE introdurranno modifiche davvero significative anche per il vending. Per la prima volta, i distributori automatici refrigerati avranno una classificazione energetica ufficiale (simile a quella delle lavatrici).

Le classi A+, A++, A+++ saranno eliminate, il nuovo sistema di valutazione utilizzerà soltanto una scala dalla A alla G. Il protocollo europeo EMP (Energy Measurement Protocol) è stato perciò ritirato dall'associazione EVA. A luglio 2019 aveva prodotto una classificazione energetica non ufficiale d "A" o "A +". Con le nuove normative, la nuova etichetta energetica ufficiale non consentirà ad alcun distributore automatico refrigerato di ottenere più della Classe C, in più, la maggior parte delle macchine non potrà essere una Classe A per almeno 10 anni da oggi.

In realtà non ci si aspetta che le macchine a dischi non raggiungano una valutazione migliore della classificazione più bassa (Classe G), mentre le macchine per lattine e bottiglie con parte anteriore chiusa potrebbero arrivare al massimo alla Classe D.

A partire dal primo marzo, i produttori saranno tenuti a rendere disponibili alcuni pezzi di ricambio per 8 anni.

Il caffè al tempo del Covid > Crescono i prodotti premium!

Sono stati pubblicati molti studi e ricerche sulle abitudini dei consumatori all'epoca del Covid. Una delle più interessanti e che dà importanti spunti di riflessioni anche al vending è il White Paper pubblicato da IRI (CLICCA QUI) "Come è cambiata la Colazione all’epoca del Covid? Il Caffè e le nuove abitudini dei consumatori".

Uno dei principali trend positivi segnalati dallo Studio, è la crescita dei prodotti premium. Il caffè 100% arabica è cresciuto del 17,3%, così come il Monorigine, che arriva al vertiginoso aumento del 35,1%.

Un'eccezione molto significativa è il segmento del Biologico, che cresce in misura inferiore al Non-Bio, una bella lezione per tutti quelli che hanno referenziato il Bio a tutti i costi e per moda, senza probabilmente curarne troppo le caratteristiche...

La crisi dei consumi non sembra quindi avere intaccato il rito quotidiano del caffè, anzi ha favorito le vendite dei prodotti di alta gamma. Speriamo che anche il vending provi ad intercettare questo particolare trend di consumo.

Martedì 9 Febbraio 2021

Un giorno in Procura > Vending chiuso per Covid? Basta cambiare piano...

C'è legittimo sconforto tra i dipendenti di una procura del Veneto. Da un giorno all'altro una circolare firmata dal Procuratore ha spento i tre distributori automatici posti al quarto piano del Palazzo di Giustizia. Motivazione? Una segnalazione di assembramenti...

La soluzione è presto trovata: o si scende tutti insieme al bar oppure al secondo piano dello stesso Palazzo di Giustizia che, essendo sotto un'altra competenza, ha tutti i distributori regolarmente funzionanti.

Acqua Minerale San Benedetto riconosciuta marchio storico di interesse nazionale

Acqua Minerale San Benedetto è stata inserita nel Registro dei Marchi Storici di interesse nazionale, uno strumento istituzionale che il Ministero dello Sviluppo Economico ha creato per tutelare la proprietà industriale delle aziende storiche italiane e le eccellenze del Bel Paese nella sfida verso la valorizzazione del Made in Italy, l’innovazione, la sostenibilità e la competitività internazionale.

Attraverso questo riconoscimento, il brand Acqua Minerale San Benedetto potrà utilizzare il logo «Marchio storico di interesse nazionale», istituito con Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico il 10 gennaio 2020, per finalità commerciali e promozionali.

“Essere annoverati tra i marchi storici di interesse nazionale ci riempie d’orgoglio e testimonia il valore storico della nostra Azienda da sempre impegnata nella valorizzazione del Made in Italy”. – commenta Enrico Zoppas, Presidente ed Amministratore Delegato di Acqua Minerale San Benedetto – “Nei nostri 65 anni di storia, il legame con il territorio e la cultura che ne deriva ha sempre rappresentato uno dei principi fondanti dell’Azienda, proteggendo e custodendo l’italianità dei nostri prodotti come un tesoro di inestimabile valore.”

È il 1956 quando nasce il primo stabilimento del Gruppo San Benedetto per l’imbottigliamento delle acque minerali di Scorzè in provincia di Venezia, note sin dai tempi della Repubblica Veneta per le loro doti curative. Nel 1959 la svolta con l’ingresso della famiglia Zoppas che acquisisce la maggioranza della Società per poi rilevare l’intero pacchetto azionario alla fine degli anni ‘60. Da allora la crescita di San Benedetto va di pari passo con il coraggio a la lungimiranza imprenditoriale di Enrico Zoppas che in 50 anni al timone ha portato San Benedetto ad essere un’eccellenza in Italia e nel mondo attraverso un percorso all’insegna dell’innovazione, della passione, della tradizione e dell’espansione in ottica ecosostenibile. Una storia, quella aziendale, che si fonda sulla cultura del lavoro, sul legame con il territorio, sul dialogo, la collaborazione e l’interazione tra persone.

Lunedì 8 Febbraio 2021

VIDEO > Le saghe del vending: Episodio X - IL SUD ITALIA

Sono tempi duri per la Repubblica. Le truppe imperiali hanno conquistato diverse locazioni nel Nord Italia e adesso pongono il loro sguardo sulle remote regioni del SUD...

City 300 > Ducale rivoluziona il mondo delle macchine da caffè table top

Ducale City 300 segna un salto di qualità nella categoria delle macchine da caffè vending di piccole dimensioni, imponendosi subito come best in class. In uno spazio ridotto trovano posto tutte le soluzioni finora disponibili solo per i distributori Ducale pensati per locazioni con grandi volumi di consumo, allo scopo di garantire prestazioni d’eccellenza all’utente finale.

Rendere unica l’esperienza del consumatore è stato il pensiero che ha fatto nascere la nuova table top City 300. A partire dal design originale, curato in ogni dettaglio, che fa del gioco di trasparenze un elemento di coinvolgimento del consumatore. La campana, totalmente visibile all'esterno, permette di percepire la freschezza dei grani di caffè. La porta Vision esalta il rito di preparazione della bevanda, dalla macinatura fino all’erogazione in bicchiere. Tutto sotto gli occhi del consumatore.

Il gruppo caffè è realizzato con materiali premium: tutta la componentistica è in acciaio, proprio come le macchine da bar. La camera d'infusione è mantenuta a temperatura controllata per garantire in maniera costante la migliore estrazione del caffè. Il macinadosatore regola automaticamente il grado di macinatura, permettendo di esaltare la qualità peculiare di ciascuna miscela di caffè, selezione dopo selezione.

Ducale City 300 si fa apprezzare per l'interfaccia utente, semplice e intuitiva, con il nuovo touch screen da 12” che permette in pochi secondi di selezionare la bevanda desiderata. L’ampia possibilità di personalizzazione tramite i topping consente di creare bevande sfiziose, diversificando ancor di più il menu di proposte. Il distributore ospita sei contenitori per prodotti solubili, due contenitori per prodotti topping e i bicchieri in due differenti formati, tra cui il bicchierino da espresso, per un totale complessivo di 300.

All'interno della macchina un braccio robotico movimenta i bicchieri delle varie dimensioni con un innovativo sistema di cambio del formato. Il vano prelievo si apre in automatico, e presenta la bevanda al consumatore in modo che la possa prelevare facilmente, senza alcun contatto con la macchina.
Anche il caricamento dei prodotti da parte dell'operatore è rapido e semplice: grazie alla possibilità di inclinare il modulo contenitori basculante, la macchina permette un facile accesso frontale a tutti i componenti principali.

Grazie a Ducale City 300 il gestore può coprire tutte quelle locazioni che - per motivi di spazio o perché non hanno grandi volumi di consumo - necessitano di distributori con dimensioni contenute e, allo stesso tempo, esigono il meglio offerto dalle tecnologie Ducale.

Venerdì 5 Febbraio 2021

Partono in Abruzzo i controlli dei NAS sui distributori automatici...

Sono ben 6 le gestioni abruzzesi segnalate all'autorità amministrativa per aver disatteso il rispetto dei DPCM in vigore. I controlli dei carabinieri del Nas di Pescara sui distributori collocati nelle strutture sanitarie pubbliche e private, hanno fatto scattare i provvedimenti...

Per quanto riguarda il rischio di contaminazione da Covid-19, i NAS hanno accertato come sia stato omessa l'individuazione del percorso di ingresso/uscita e la mancata applicazione di idonea cartellonistica (distanziamento interpersonale).

Già che erano lì, un gestore si era dimenticato di esporre l’indicazione degli ingredienti degli alimenti e un'altro non aveva rinnovato l'attestato di manipolazione per alimentaristi (ex Libretto Sanitario).

Campagna di vaccinazione decisiva per la riapertura di Cibus a settembre...

Le esposizioni fieristiche sono impegnate nel difficile compito di riorganizzare i calendari in base alle previsioni dello sviluppo/regressione della pandemia da Covid-19. CIbus 2021 ha deciso di fissare le date a settembre (31 agosto/3 settembre) e per la prima volta viene scritto nero su bianco sul comunicato stampa ufficiale che: "alla decisione ha concorso anche una valutazione sul processo di vaccinazione in Italia".

Dopo la dolorosa cancellazione dell'edizione 2020, Cibus prende quindi una posizione sull'importanza dei vaccini per ritornare ad una situazione di normalità, nonostante il tema sia ancora fortemente dibattuto e contraddistinto da accese polemiche. Siamo in attesa dell'immancabili reazioni...

Giovedì 4 Febbraio 2021

Una nuova generazione di distributori automatici del caldo per Gruppo Gimoka

C’è un nuovo costruttore in città. Gruppo Gimoka e Vea (holding fondata da Andrea Doglioni Majer con l’obiettivo di farne un hub delle tecnologie del caffè), hanno ufficializzato la partnership con Manea Vending attraverso un aumento di capitale.

La partnership è esplicitamente volta alla creazione e alla commercializzazione di una nuova generazione di distributori automatici che incorporino le innovazioni tecnologiche più recenti. Lo sviluppo vedrà ovviamente l’apporto da parte di Vea tramite l’ampio know-how relativo alle tecnologie del caffè della controllata Carimali.

Moneta elettronica > Memorandum tra ENEL X, PayTipper e IVS Group

IVS Group informa di aver firmato con Enel X Financial Services e PayTipper un Memorandum of Understanding (MoU),di natura non vincolante per le parti, finalizzato allo sviluppo di diversi accordi di collaborazione nell’ambito dei servizi e dei sistemi di pagamento.

L’accordo definisce i campi prioritari nei quali si intendono applicare e valorizzare le rispettive competenze, con l’obiettivo di giungere ad un’offerta di servizi integrati, funzionale ad ampliare i rispettivi bacini di clientela attuali e prospettici.

In particolare, il memorandum prevede che le parti collaborino per l’abilitazione all’utilizzo dei sistemi di pagamento di Enel X Financial Services (carte di credito e App Enel X Pay) sulla rete dei distributori automatici di IVS Group in Italia, Spagna, Francia e Svizzera.

Prevede inoltre di valutare la possibile fruizione, sulla rete dei distributori di IVS Group, di servizi di pagamento a valore aggiunto, quali il pagamento di bollettini, PagoPA, MAV/RAV, nonché la ricarica dei sistemi di pagamento di Enel X Financial Services mediante il versamento anche di piccole somme di contante (monete e banconote di piccolo taglio), presso gli accettatori installati sulla capillare rete di distributori automatici di IVS Group.

Alla realizzazione dei progetti contribuiranno anche altre società controllate da IVS Group.

Mercoledì 3 Febbraio 2021

Caos Umbria! Il Comune di Perugia costretto ad un chiarimento...

La nostra preoccupazione espressa ieri per una possibile chiusura del vending perugino per 2 settimane (con probabili conseguenze per tutta l'Umbria) a seguito di un'ordinanza pubblicata l'altro ieri dal Sindaco, è già stata aggiornata da un nuovo capitolo.

Il Comandante della Polizia Municipale ha diffuso un chiarimento: "In relazione al punto dell’ordinanza n.103 che ordina il divieto di distribuzione di alimenti e bevande mediante distributori automatici si precisa che il divieto non si applica ai distributori automatici ubicati all’interno di strutture ove il datore di lavoro o un suo incaricato può disporre in merito. L’ordinanza opera invece per i distributori automatici ubicati in aree pubbliche o private ove non può essere esercitato un controllo atto a prevenire assembramenti".

Purtroppo però il chiarimento non chiarisce, anche perché non sembra che la lingua italiana sia stata usata nel modo più appropriato. Cosa vuol dire "può disporre in merito"? All'occorrenza o sempre? La distinzione è importante.

Se la discriminante è mettere in atto un'attività preventiva (come tutte le norme di sicurezza sul lavoro) atta ad evitare assembramenti, anche gli H24 potrebbero restare aperti (cartelli, tornelli, adesivi al suolo), evenienza che ad una prima lettura sembrerebbe invece esclusa.

La nostra domanda è soltanto una: se qualche locazione restasse chiusa per non sbagliare, chi pagherà i danni? Il Sindaco di Perugia?

Non c'è due senza tre. Negli USA ci riprovano con la Coca Cola al caffè

L'idea di mettere insieme due dei più iconici prodotti del beverage: il caffè e la Coca Cola, è una vecchia teoria con una storia travagliata. Già nel 2006 era uscita la Coca Cola Black, che però fu un doloroso flop durato solo 2 anni.

Il colpo fu duro e il progetto successivo esordì 10 anni dopo il fallimento del primo e fu testato in diversi paesi del mondo, ma non negli Stati Uniti. Ora però dovrebbe essere la volta buona, visto che il 25 gennaio ha fatto il suo debutto ufficiale negli USA l'attesissima Coca-Cola® with Coffee.

Il prodotto è realizzato con caffè brasiliano ed è disponibile in tre gusti. La lattina conterrà 69 milligrammi di caffeina, più o meno la metà di quanto se ne trova in una tazzina di caffè...

Martedì 2 Febbraio 2021

Umbria, inibizione della distribuzione di alimenti e bevande mediante sistemi automatici

Una nuova parola emerge nel vocabolario dei provvedimenti contro il vending: INIBIZIONE. A fine gennaio infatti, in una missiva a firma della Presidente della Regione Umbria, avente ad oggetto “SITUAZIONE EPIDEMIOLOGICA IN UMBRIA E MISURE CONSIGLIATE DA SANITÀ REGIONALE" si consigliano ai sindaci misure di contenimento della diffusione del virus Covid – 19, mediante l’adozione di ordinanze contingibili e urgenti, come a titolo esemplificativo e non esaustivo:
- Divieto di consumazione di alimenti e bevande all’aperto;
- Inibizione della distribuzione di alimenti e bevande mediante sistemi automatici;

Il sindaco di Perugia (Andrea Romizi) ha preso molto sul serio la questione e ha posto il divieto al vending per l'intera giornata!

Se altri sindaci seguiranno il suo esempio, la distribuzione automatica in Umbria sarà cancellata per due settimane...

La Colomba Melegatti al Caffè Borbone è la novità di Pasqua 2021

La tradizione pasticcera Melegatti si fonde all’aroma unico di Caffè Borbone per convergere in un prodotto unico: la Colomba al Caffè, una gustosa novità della Pasqua. Un’unione in nome delle antiche tradizioni: da una parte Caffè Borbone, alfiere della tradizione dell’espresso napoletano e dall’altra Melegatti, brand di riferimento della tradizione dolciaria italiana. I due brand lanciano uno dei dolci “più classici” d’Italia in una chiave di lettura più innovativa, proponendo un ampliamento di sapori e di emozioni rispetto alla tradizionale colomba.
La Colomba Melegatti al Caffè Borbone conserva le caratteristiche dell’impasto tradizionale, molto soffice e digeribile grazie al noto lievito madre, ma è impreziosita dal gusto delicato e armonico della Miscela Nobile di Caffè Borbone, da chunks di cioccolato fondente belga e farcito con crema al Caffè Borbone. La glassa di cioccolato bianco ricoperta da croccanti mini praline di cereali ai “tre cioccolati” fa da scrigno al delicato impasto lievitato naturalmente e dall’ottima alveolatura.

Lunedì 1 Febbraio 2021

Fabbro Food ottiene un finanziamento da 5 milioni di euro...

Da qualche mese, stiamo monitorando l'attività di Fabbro Food, società leader nella ristorazione collettiva per enti pubblici, strutture ospedaliere pubbliche e private. Nelle ultime settimane ha focalizzato non poco la sua attenzione sul vending, inserendo nella sua struttura una formidabile coppia di commerciali (Tremate, tremate, le streghe son tornate! E' il nostro commento al loro nuovo Avatar) e un nuovo CFO, tutti e tre di provenienza Serim.

In pochi giorni, il CFO ha gestito e ottenuto un finanziamento da 5 milioni di euro con durata di 72 mesi da Cassa Depositi e Prestiti. L'operazione è assistita dalla Garanzia Italia di SACE e ha visto la partecipazione di Artom Strategy nel ruolo di arranger del finanziamento.

Siamo in attesa di vedere quali saranno gli sviluppi di mercato di questa importante iniezione di liquidità...

Nuova sfida professionale per Giuseppe Napoletano nella Torrefazione Michele Battista

Giuseppe Napoletano è il nuovo responsabile vendite della Torrefazione Michele Battista ed assume la sfida: offrire un prodotto di alta qualità e sostenibilità alla distribuzione automatica e vending.

La Torrefazione Michele Battista è una delle principali torrefazioni del sud Italia, una realtà familiare che affonda le sue radici nel periodo della seconda guerra mondiale. Dal 1940 l'azienda è capillarmente presente nel settore Ho.Re.Ca e GDO nelle regioni di Puglia e Basilicata e da qualche anno impegnata nella scalata dei mercati esteri e nazionali. Nel 2006 la torrefazione si è dotata del primo impianto per il confezionamento dei predosati ed il nuovo stabilimento nell'area metropolitana di Bari con sei linee, permetterà all'azienda di lavorare tutti i maggiori formati di capsule e cialde compatibili presenti sul mercato. L'azienda ha sempre avuto un grande orientamento alla sostenibilità ambientale ed alla qualità senza compromessi, ed in questi ambiti vanta dei primati per aver sviluppato prodotti di origine biologica e in confezionamenti compostabili ed autoprotetti, che sono già molto apprezzati all'estero, nei mercati del Nord Europa e Stati Uniti. Il caffè è la passione della famiglia Battista e la qualità, una ossessione, tanto da voler dimostrare che è possibile servire prodotti di alta qualità, sostenibili ma al giusto prezzo anche in un segmento così competitivo come quello della Distribuzione Automatica.

Giuseppe Napoletano rientra in Gennaio 2021 nella torrefazione caffe MIchele Battista, dopo anni di maturazione di esperienze sempre nel mondo delle torrefazioni e della distribuzione automatica, il suo incarico prevede il coordinamento dei canali del Vending, Office Coffee System e Distribuzione Automatica in generale, comparti in cui l'azienda lavora con una rete di agenti in corso di sviluppo per tutta Italia con diversi marchi commerciali: Vida, Battistino, Automaticaffè e lo stesso Caffè Michele Battista.

VAI AI GOSSIP DI GENNAIO 2021

Art&Works S.r.l. Via Alessandro Algardi 13 - 20148 Milano - Italia - tel +39 0248958566 P.I. 04234310961