GOSSIPRISPOSTECOMMENTICHI SIAMOAVATARPRIVACY    
 
 

 

Giovedì 2 aprile 2020

Sospendere la sugar e plastic tax, si muove ufficialmente Assobibe...

ASSOBIBE, l’associazione di CONFINDUSTRIA che rappresenta le imprese che producono e vendono bevande analcoliche in Italia, chiede al Governo la sospensione immediata di Sugar e Plastic tax per evitare il tracollo delle aziende del settore, già colpite duramente dalla chiusura delle attività commerciali che rappresentano fino al 40% del loro fatturato. La contrazione della domanda e le incertezze sulla ripresa rendono insostenibile un qualunque ulteriore aumento della pressione fiscale, mettendo a rischio gli 80.000 posti di lavoro della filiera nel Paese, in parte già in ferie forzate e in cassa integrazione.

La chiusura completa di ristoranti, bar, pub, fast-food, teatri, cinema, parchi divertimento e degli altri punti vendita del canale HO.RE.CA. ha comportato una perdita del 100% delle entrate generate dal comparto delle bevande analcoliche. I danni economici già registrati si protrarranno nei prossimi mesi: la ripartenza dei consumi sarà graduale e lenta, non si completerà fino all’autunno al netto del prevedibile calo del potere di acquisto delle famiglie e degli esercizi pubblici che resteranno chiusi definitivamente anche dopo l’emergenza sanitaria. Uno scenario molto diverso da quello in cui i due provvedimenti sono stati ipotizzati.

“L’industria delle bevande analcoliche in Italia” afferma David Dabiankov, Direttore Generale dell’Associazione “chiede al Governo un gesto di responsabilità che tuteli imprese e lavoratori in un contesto economico senza precedenti. Pensare di introdurre due nuove tasse in questo momento significa condannare un’intera filiera produttiva e distributiva radicata in Italia, con effetti a cascata su numerosi settori, dall’agricoltura alla ristorazione”.

Anche nella grande distribuzione organizzata si assiste ad una contrazione dei consumi per il comparto che si attesta mediamente intorno al 10%, con risultati estremamente negativi nei Cash & Carry. Difficoltà sono registrate anche nell’export di prodotti tipici del made in Italy (aperitivi, chinotti, gassose, aranciate, etc.) a causa del calo della domanda e della saturazione della rete logistica.

In questo scenario drammatico ed incerto, con volumi e fatturati in calo e costi fissi produttivi e distributivi stabili, l’impatto delle due tasse sui conti delle imprese sarebbe ben superiore al 20% stimato prima del crollo dei consumi, ma con un gettito di risorse per lo Stato decisamente minore a quanto preventivato.

Numeri sorridenti > Soffre il conto economico...

Diversi utenti ci hanno segnalato l'uscita sul Registro delle Imprese del bilancio aggiornato al 30/09/2019 del Sorriso.
I dati che emergono dal Conto Economico purtroppo non sono confortanti. Il fatturato sale di poco, da 221 milioni a 239 milioni, nonostante le acquisizioni nel periodo. Il risultato operativo scende da 8 milioni a 6,6 milioni, questo in presenza di Oneri Finanziari pari a 17 milioni (dai 14 dell'anno precedente). Ciò porta una perdita di esercizio di oltre 11 milioni.

Anche la situazione patrimoniale e finanziaria desta preoccupazioni, con un debito che si attesta in area 270 milioni, superiore al fatturato annuo (239M).

 

OGGI NELL'AREA RISPOSTE DI FANTAVENDING POTETE TROVARE...

1) Aiutare il nero!
2) La crisi aguzza l'ingegno...

CLICCA QUI PER LEGGERE

VAI AI GOSSIP DI APRILE 2020