.
     
      GOSSIPRISPOSTECOMMENTICHI SIAMOAVATARPRIVACY    
 
 


 

Mercoledì 24 Luglio 2024

Scomparso Roberto Hausbrandt, rivoluzionò il mercato del caffè

È morto a ottantacinque anni Roberto Hausbrandt, ultimo discendente della famiglia che ha dato il nome a questo storico marchio di caffè.

La sua azienda ne ripercorre la storia umana e professionale rendendogli omaggio con una nota stampa che pubblichiamo integralmente.

Pochi giorni fa è venuto a mancare Roberto “Bobby” Hausbrandt, ottantacinquenne ultimo discendente della famiglia che ha rivoluzionato il mercato del caffè, non solo in Italia. La funzione funebre si è tenuta sabato 20 luglio alle 9.30 nella Chiesa Luterana Evangelica di largo Panfili, a Trieste. Roberto Hausbrandt è sempre stato un appassionato e fine intenditore del prodotto che ha fatto la fortuna della sua famiglia. Ereditò la guida dell’azienda alla fine della seconda guerra mondiale e ne resse le sorti fino al 1977, quando questa venne ceduta a Martino Zanetti, che trasformò il marchio in Hausbrandt Trieste 1892 SpA, aggiungendo il luogo e la data di fondazione.

Martino Zanetti ha frequentato Roberto Hausbrandt e ne ricorda la competenza professionale, il suo particolarissimo modo di essere e la sua allure aristocratique. Zanetti ha acquisito un marchio ben conosciuto in tutta la Mitteleuropa e in tutti i Balcani e ne ha mantenuto intatto il prestigio e l’esclusività, non associando mai al marchio il nome della famiglia Zanetti. Nel contempo ha dato un nuovo impulso all’attività e oggi sono ben novanta i Paesi in cui è presente il marchio Hausbrandt. L’anno scorso Martino Zanetti ha organizzato, nel Salone degli Incanti di Trieste, la mostra Hausbrandt e Trieste. Cultura e commerci mitteleuropei
1892 – 2023. Si sono celebrati più di 130 anni di caffè a Trieste, con immagini esclusive tra cui i poster e le illustrazioni degli insuperabili Leopoldo Metlicovitz,
Marcello Dudovich e Luciano Biban. La mostra è stata organizzata da Fondazione Hausbrandt in collaborazione con il Comune di Trieste e ha goduto del patrocinio della Regione Friuli–Venezia Giulia e del Comune di Treviso.

Martino Zanetti ha sempre guardato con grande rispetto la storia della famiglia Hausbrandt e ha operato affinché il marchio occupasse, nel mondo, il ruolo che si merita.

Coges presenta la chiave MyKey realizzata con il 100% di plastica riciclata

Il mondo del vending già da molti anni si sta confrontando con i temi della sostenibilità ambientale e della riduzione dei rifiuti, cercando soluzioni che possano migliorare l’impatto del nostro settore sull’ambiente e venire incontro alle esigenze sempre più consapevoli degli utenti finali. Per rispondere a queste esigenze Coges ha proposto la nuova chiave MyKey realizzata con plastiche completamente riciclate.

“La chiave MyKey Coges è uno degli strumenti più amati dagli utenti della distribuzione automatica per la sua immediatezza e praticità di utilizzo, tanto da essere diventata in Italia un supporto indispensabile della pausa caffè.” ha dichiarato Daniele Ioriatti, sales manager di Coges. “La nuova versione di MyKey, presentata in anteprima a Venditalia 2024 e disponibile in un’esclusiva colorazione nera, contribuisce a ridurre la domanda di plastica vergine ed alla creazione di un’economia circolare, in cui i materiali vengono riutilizzati e riciclati.”

La nuova plastica ha le stesse caratteristiche delle altre versioni di MyKey sia dal punto di vista funzionale che quanto a resistenza all’usura quotidiana e durata. Con la nuova MYKEY 100% RICICLATA i Gestori potranno dimostrare il proprio impegno concreto per un futuro più sostenibile, distinguendosi dalla concorrenza e attraendo una clientela sempre più sensibile all’ambiente.

 


OGGI NELL'AREA RISPOSTE
DI FANTAVENDING POTETE TROVARE...


1) L'estate dei furbi

CLICCA QUI PER LEGGERE

 

VAI ALLE NEWS DI LUGLIO 2024

Art&Works S.r.l. Via Alessandro Algardi 13 - 20148 Milano - Italia - tel +39 0248958566 P.I. 04234310961