Privacy Policy
GOSSIPRISPOSTECOMMENTICHI SIAMOINDEXMETEOAVATAR

Mercoledì 9 agosto 2017


L'ultimo saluto a Cesare Cerea...

Oggi pomeriggio alle ore 17, si terrà il funerale di Cesare Cerea alla Chiesa di Torre De' Roveri (BG) - Piazza Conte Sforza, 6. La comunità del vending così avrà la possibilità di dare l'ultimo saluto ad uno dei più importanti imprenditori del settore .
Moltissimi i messaggi di condoglianze alla famiglia arrivati in queste ore a Fantavending. Ne abbiamo ricevuti oltre 200 e continuano a scriverci. Sul nostro profilo Facebook (clicca qui) il post sul "lutto del mondo del vending" è stato letto da oltre 20mila persone e condiviso da altri 100 profili appartenenti alla community. Anche su questa piattaforma ci arrivano decine di messaggi di condoglianze ogni ora, un segnale inequivocabile di quanto fosse grande l'apprezzamento e il rispetto per la figura imprenditoriale e di grande umanità di Cesare Cerea...

Vandalismi e corrispettivi, chiudono i distributori automatici del latte...

Il numero di distributori automatici del latte in chiusura è in forte aumento, arrivano segnalazione da tutta Italia. Nel comasco ad esempio spariscono ad Olgiate, Binago e Malnate. Sulle macchine è affisso un cartello per avvisare la clientela che, a partire dal 15 agosto, il distributore verrà chiuso.
Al di là dei numerosi casi di vandal
ismo a pesare di più è la normativa sui corrispettivi vending. I gestori hanno infatti commentato alla stampa locale: "Ci mettono in ginocchio Impossibile star dietro all’Agenzia delle Entrate".
Nel settore del "latte automatico" l’obbligo è già scattato dal primo aprile per le macchine dotate di una porta di comunicazione necessaria per l’invio digitale dei dati a un dispositivo esterno che li memorizza e trasmette alla Agenzia delle Entrate, mentre per i distributori automatici di vecchia generazione (come i lattemat) la nuova procedura scatterà dal prossimo gennaio, per dare tempo di dotarsi delle apparecchiature tecnologiche necessarie per la trasmissione telematica. Ma per gennaio moltissimi saranno già chiusi...

 

Martedì 8 agosto 2017


LUTTO NEL MONDO DEL VENDING

Ieri mattina è venuto a mancare uno dei grandi Maestri del vending italiano: Cesare Cerea, un uomo che ha insegnato il lavoro del gestore a generazioni di imprenditori del settore.
Cesare Cerea, oltre ad essere il fondatore e il leader di IVS, ha guidato lo sviluppo e l’innovazione del vending in Italia, passato dai distributori a caduta stile anni ’70, a punti di vendita multi prodotto, con tecnologie evolute e alta visibilità ed efficacia commerciale.
Lo staff di Fantavending esprime le sue più sentite condoglianze a tutti i familiari e ai tanti amici che aveva nel mondo della distribuzione automatica.

Avvisiamo tutta la comunità del vending che il funerale di Cesare Cerea si terrà mercoledì 9 agosto alle ore 17 alla Chiesa di Torre De' Roveri (BG) - Piazza Conte Sforza, 6

Concorrenza vending: bar e ristoranti non vanno in ferie...

Una delle caratteristiche vincenti del vending: i 365 giorni di apertura l'anno, potrebbe essere replicata anche da altri canali distributivi. Essere l'unica cosa aperta in agosto in diversi luoghi è infatti per la distribuzione automatica ormai un miraggio. Secondo i dati diffusi da FIPE, la maggior parte dei pubblici esercizi italiani non abbasserà le proprie saracinesche durante il mese che segna il picco della stagione turistica: resterà infatti aperto ben l'89% dei ristoranti e il 72,1% dei bar, percentuale che si pone in crescita rispetto allo stesso mese dello scorso anno.
"Le aperture dei pubblici esercizi durante il mese di agosto indicano un atteggiamento parzialmente diverso rispetto al passato, con differenti spiegazioni - commenta il Presidente di Fipe Lino Enrico Stoppani -: da un lato contribuiscono a migliorare per i gestori il bilancio dell'attività, e sono un segno della graduale ripresa del comparto turistico che quest'anno ha visto una ripresa dell'1,5% per il periodo luglio-settembre rispetto allo scorso anno. In questo frangente non può mancare un particolare apprezzamento nei confronti di un lavoro che non conosce soste, vacanze e festività e di tutti quegli addetti che operano, nelle località turistiche così come nei piccoli e grandi centri, per garantire a turisti e cittadini un servizio puntuale e di qualità"...

L'inatteso successo in Francia dei distributori automatici di ostriche...

Ormai è una realtà piuttosto consolidata: in Francia si comincia a vendere nei distributori automatici anche le ostriche. Uno dei pionieri nel campo è Tony Berthelot, un allevatore che nell'isola di Re ha ideato dei dispenser automatici che offrono diverse qualità di ostriche 24 ore su 24, 7 giorni la settimana. I distributori hanno diversi scomparti refrigerati dove sono conservate le ostriche e che sono regolarmente riforniti: gli acquirenti giungono sul posto, selezionano il prodotto pagando con la carta di credito e ritirano il cartone delle ostriche selezionate.
Clicca qui per vedere un video

 

Lunedì 7 agosto 2017


Lavazza si compra la partecipazione di IVS della francese ESP...

Lavazza crede sempre di più nel mercato francese e ha deciso di acquistare la partecipazione di IVS in ESP (Espresso Service Proximité S.A.) per circa 6 milioni di euro. Il gruppo di gestione bergamasco ha emesso in materia un comunicato stampa che pubblichiamo qui sotto:

IVS Group S.A. informa di avere firmato in data odierna il contratto vincolante per la cessione a Luigi Lavazza S.p.A. della partecipazione pari al 36,86% detenuta (direttamente e attraverso la controllata IVS France) nella società francese Espresso Service Proximité S.A., attiva nel campo della rivendita in Francia di caffè porzionato e altri prodotti alimentari, ma non nella distribuzioneautomatica che rappresenta il core-business di IVS Group. La data del closing è stata fissata per la metà del mese di settembre 2017. La partecipazione in Espresso Service Proximité S.A. è consolidata a patrimonio netto nei bilanci di IVS Group.
Il prezzo concordato per la vendita di tale partecipazione di minoranza è pari a poco meno di Euro 5,5 milioni (al quale va aggiunto l’importo di Euro 360 mila per dividendi già deliberati e non ancora liquidati al Gruppo IVS), che determinerà una plusvalenza per IVS, rispetto ai valori di carico, pari ad Euro 2,8 milioni lordi.

La digitalizzazione del largo consumo produrrà 3.000 miliardi di risparmio

La digitalizzazione sarà uno dei temi dominanti nel vending del futuro, ma bisogna correre perché gli altri canali distributivi si stanno muovendo in fretta.
Nel prossimo decennio retailer e produttori di beni di largo consumo potrebbero generare un valore pari a 2.950 miliardi di dollari, a beneficio della filiera, accelerando la propria trasformazione digitale, come evidenzia un rapporto di Accenture Strategy per World retail forum, che riporta numeri quantificati su un arco temporale di un decennio e riferiti alle economie evolute.
I dati inerenti ai consumatori fanno riferimento all’ultimo ‘Accenture Strategy global consumer pulse research’, che ha coinvolto un totale di ben 25.426 persone, ripartite in 33 Paesi nel periodo luglio-agosto 2016, inclusi 1.501 italiani.
Italia si osserva che oggi il 39% degli acquirenti sarebbe disposto a concedere agli operatori economici l’accesso ai propri dati personali in cambio di un’esperienza migliore o di un vantaggio economico. Un altro 37% si abbonerebbe a un servizio di ricerca continuativa che individuasse beni e servizi al miglior prezzo, consigliando attivamente a quali brand rivolgersi e quando. Il 28% dei nostri connazionali utilizzerebbe modalità digitali basate su sensori in grado di rispondere alle richieste dei singoli. Un 25% sarebbe incline a sottoscrivere addirittura un abbonamento per effettuare gli ordini più azzeccati in modo del tutto automatico.
Secondo Accenture da qui al 2027 il sistema del largo consumo cambierà più profondamente di quanto non sia avvenuto negli ultimi 40 anni...
Fonte: Distribuzione Moderna


Venerdì 4 agosto 2017


L'Antitrust ci prende gusto. 140 milioni per il "cartello del tondino"...

Lo schema ormai è un classico: otto imprese siderurgiche operanti nei mercati del tondino di acciaio per cemento armato attuavano un'intesa restrittiva della concorrenza, sfruttando sistematiche occasioni di incontro periodico, rappresentate dalle riunioni dell’associazione, dove ogni mese erano solite condividere informazioni commercialmente sensibili...
E così, in un contesto di gravissima crisi del settore siderurgico, l'Antitrust ha irrogato sanzioni per 140 milioni di euro per un cartello d'intesa continuativa negli anni 2010-2016. Il deja vu è davvero impressionante...

Mondo manager: una nuova sfida professionale nel vending...

La famiglia Venturella come la famiglia Maldini: dopo tanti anni di attività lasciano la squadra del cuore... Dopo Angelo, uscito per godersi la meritata pensione, anche Riccardo Venturella ha lasciato l'azienda in cui ha militato tutta la famiglia per tanti anni. La sua è una nuova sfida professionale in un'azienda specializzata nello sviluppo e nella produzione di componentistica per il mercato della distribuzione automatica...


Prorogato al 7 settembre il termine per iscriversi al CRESCO Award...

CRESCO Award è un premio organizzato da Fondazione Sodalitas in collaborazione con ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) per la promozione dello sviluppo sostenibile dei territori.
Da quest’anno, grazie ad una partnership con CONFIDA, verrà premiato anche il Comune che avrà saputo valorizzare le potenzialità offerte dalla distribuzione automatica per migliorare la sostenibilità ambientale e la qualità della vita delle persone, creando così una importante occasione per dare visibilità al contributo dato dal nostro settore in una prospettiva di attenzione al territorio e alla collettività.
I Comuni possono candidare i loro progetti fino alle ore 13:00 di giovedì 7 settembre 2017, previa registrazione alla piattaforma “ideaTRE60”.
Le aziende associate a CONFIDA che fossero a conoscenza di progetti di “Vending Sostenibile” realizzati da Comuni italiani, sono invitate a segnalare la possibilità di partecipazione al CRESCO Award. È possibile scaricare il bando sul sito di CONFIDA (clicca qui).

 

Giovedì 3 agosto 2017


Multa Antitrust: IVS proporrà appello dinnanzi al Consiglio di Stato...

Dopo Confida, anche IVS Group ha emesso un comunicato stampa ufficiale sulla Sentenza del TAR Lazio relativa al provvedimento sanzionatorio dell'AGCM del 14-6-2016. Ecco cosa scrive:

IVS Group S.A. informa che con sentenza pubblicata il 28-7-17, a seguito dell'udienza tenutasi il 7 giugno scorso, il TAR Lazio ha deciso sul ricorso presentato da IVS Italia s.p.a. e da altre 13 società italiane attive nel settore del vending, oltre all'associazione di settore Confida, contro il provvedimento 8-6-2016 con cui l’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato (AGCM) ha stabilito che le parti oggetto della procedura (inclusa IVS Italia s.p.a.) avrebbero messo in atto, dal 2011 al 2014, comportamenti volti a limitare la concorrenza nel settore del vending in Italia, asseritamente consistenti nel coordinamento delle politiche commerciali finalizzate a limitare il confronto concorrenziale tra le imprese parti del procedimento su prezzi, ambiti territoriali di operatività e rispettiva clientela.
Il TAR Lazio ha confermato il provvedimento dell'AGCM nei confronti di tutte le società, salvo rimettere all'Autorità la determinazione della sanzione per tre di esse.
Per quanto riguarda IVS Italia s.p.a. il TAR Lazio ha confermato la sanzione di Euro 31.917.662 e ha compensato integralmente le spese fra le parti in ragione della difficoltà e della novità delle questioni. Si ricorda che il bilancio di IVS Italia s.p.a. e il bilancio consolidato di IVS Group S.A. al 31-12-2015 includevano già un accantonamento pari a Euro 28,574 milioni.
Avverso tale sentenza IVS Italia s.p.a. proporrà appello dinanzi al Consiglio di Stato. IVS Group e IVS Italia ritengono infatti che il provvedimento dell'AGCM sia affetto da gravi errori e che il TAR non abbia adeguatamente e correttamente valutato i molteplici e documentati motivi di impugnazione sottoposti da IVS Italia.
IVS Group e IVS Italia restano pienamente e assolutamente convinte della correttezza, onesta e trasparenza del proprio operato.

 

Mercoledì 2 agosto 2017


Multa Antitrust: Confida valuta il ricorso al Consiglio di Stato...

All'indomani della sentenza del TAR Lazio, che ha rigettato il ricorso presentato da CONFIDA per l’annullamento del provvedimento dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato dell’8 giugno 2016, Il Presidente di Confida Piero Lazzari ha rilasciato una dichiarazione:
“Consentitemi di esprimere i miei sentimenti di profonda amarezza e di sconcerto per una vicenda che si è mossa sui binari di un travisamento delle dinamiche di funzionamento del mercato della distribuzione automatica e delle logiche che li sottendono. CONFIDA non condivide le conclusioni a cui è giunta l’AGCM ed è certa di aver sempre operato nel pieno rispetto delle regole poste a tutela della concorrenza e dei consumatori e continuerà a farlo. Per questo valuteremo a breve un ricorso al Consiglio di Stato.
Il mio invito a tutti gli associati e non solo, ma a tutte le realtà imprenditoriali che a vario titolo operano nella filiera della distribuzione automatica è di non cadere nel “tranello” delle divisioni interne che creerebbero un ulteriore danno ad un settore già duramente colpito in questi anni da aumenti delle aliquote IVA e gravosi adempimenti fiscali come l’introduzione della trasmissione telematica dei corrispettivi. L’unità del settore è la conditio sine qua non per la ripresa. Da sempre CONFIDA ha svolto la propria funzione di rappresentanza nell'interesse generale di tutto il Settore, senza distinzioni. Con queste motivazioni e finalità, la nostra Associazione è stata e sarà sempre punto di riferimento unitario per la difesa e valorizzazione del Settore della distribuzione automatica, un comparto rilevante a livello economico e occupazionale per il nostro Paese”.

Il TAR condanna un Liceo a risarcire una gestione vending...

Tempi duri per il Liceo Moro di Reggio Emilia. L’istituto scientifico è stato condannato dal Tar di Parma a versare oltre 2mila euro (Iva e spese legali escluse) in favore di una gestione che aveva fatto ricorso per il bando con cui è stato assegnato il servizio di ristorazione automatica ad un grande gruppo (non costituito in giudizio).
Secondo il TAR il bando di gara prevedeva che la procedura venisse aggiudicata mediante il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa senza tuttavia specificare la ripartizione dei complessivi 100 punti fra l’offerta economica e l’offerta tecnica e che i criteri di valutazione dell’offerta tecnica venivano tardivamente specificati in sede di gara.
Ma non  è finita qui, visto che una terza gestione si è scagliata contro la dirigenza dell'Istituto, rea di non aver mai risposto ad una sua manifestazione d'interesse...
Per maggiori informazioni clicca qui


 

Martedì 1 agosto 2017


Il vending non evade le tasse. Due terzi dei bar e ristoranti invece sì...

Un'inchiesta realizzata da Adnkronos, con la collaborazione di diverse associazioni dei consumatori sul territorio, ha confermato dei dati davvero disarmanti: due scontrini su tre al bar e ai ristornati sono irregolari.
In un mese di monitoraggio, dal 25 giugno al 25 luglio, risultano non in regola con le ricevute fiscali il 64% degli esercizi commerciali. La stessa rilevazione, prima della scorsa estate, aveva fatto registrare il 54% di irregolarità. Un dato incomprensibile alla luce della tanto decantata lotta all'evasione fiscale.
Il fenomeno, diffuso in tutta Italia, assume proporzioni diverse da regione a regione. Si raggiungono punte vicine all'evasione totale in diverse città del Sud: a Napoli lo scontrino non esiste nel 75% dei casi; a Bari si sfiora il 70%.
La disparità di controllo tra il vending e il bar diventa incredibile. Se oggi con i corrispettivi tutti i caffè a 0,30 euro al distributore vengono tracciati e invece solo per un terzo dei caffè al bar a 1,00 euro viene emesso un regolare documento fiscale, è chiaro che ci troviamo in una situazione a dir poco vergognosa.
Siamo sempre di più cornuti e mazziati, sarebbe ora di una legittima incazzatura...

 
 

WWW.DAITALIA.IT








































VAI AI GOSSIP DI LUGLIO 2017


Art&Works S.r.l. Via Marcantonio Colonna 15 - 20149 Milano - Italia - tel +39 0248958566  P.I.04234310961